sabato 11 novembre 2017

Apple pie, più leggera





Le torte di mele non le ho mai amate molto, e infatti ne ho fatte veramente poche. Tranne l'apple pie. Per me è di una bontà indescribile. Questa è l'unica torta alle mele che veramente mi piace e che trovo irresistibile. La crosta friabile che la avvolge crea all'interno una specie di sciroppo dolce con profumo di cannella e noce moscata, e le mele risultano scioglievoli e dolci. Una spolverata di zucchero sulla pasta da una lieve dolcezza aggiuntiva che per me è perfetta.
La ricetta è semplice, ho fatto una briseè all'olio più leggera rispetto a quella classica col burro (ricetta che ho da anni e che ho modificato aggiungendo poco zucchero, ma non saprei dire la fonte), in quanto la dose di grasso utilizzata è inferiore.
Il ripieno si prepara velocemente (ricetta di Viva la focaccia), la pasta pure, quindi ho dedicato del tempo alla decorazione della torta.
Per creare questa bellissima griglia regolare ho utilizzato uno stampo della Decora, utilissimo e comodo, facilita tantissimo il lavoro per avere una copertura carina per le crostate. Anche la tortiera antiaderente col tipico bordo ondulato è della Decora, ha il fondo removibile, quindi basta sollevare dal fondo la torta per estrarla perfettamente.




Con delle sottili strisce di pasta ho formato una treccia per ricoprire il bordo della torta, e con degli stampini a espulsione e dei cutter a goccia di diversa dimensione ho creato le foglie e i fiori.
Clicca qui per leggere la ricetta

lunedì 30 ottobre 2017

Mont blanc a modo mio




Il Mont Blanc è uno di quei dessert che mi hanno sempre attirata ma che non ho mai assagiato. Amo le castagne ma le preferisco al naturale, però l'idea di provare un soffice dolce con questo ingrediente mi solleticava. Se vi aspettate il classico Mont Blanc dovrete ricredervi perchè questo di classico non ha nulla, il nome della ricetta lo prendo in prestito ma solo per indicare come io me lo sono immaginata e come l'ho realizzato.
Mi figuravo un monoporzione elegante, con pochi sapori ma ben distinti.
Ho usato il nuovo stampo Silikomart mini raggio, che trovo perfetto come dimensione per un monoporzione, e dalle linee molto belle. Già lo stampo senza altri decori consente di ottenere dei dolci particolari e bellissimi, sia per la cottura che per il congelamento.
Il dolce è composto da una crema chantilly (o diplomatica, nome ufficiale) ai marrons glacés, ricetta di Luca Montersino (che io ho modificato in alcune parti, applicando la ricetta della crema diplomatica di Leonardo Di Carlo che trovate qui),  e dal biscotto al cacao senza farina, sempre di Luca Montersino.
La copertura, che trovo deliziosa, impalpabile, elegantissima, la volevo provare dal primo momento in cui l'ho vista sul sito di Pinella, ma aspettavo solo di usare un ingrediente che ci si avvicinasse per il colore così delicato, e le castagne sono perfette. Si tratta di un Glacage Speculos, in cui uno degli ingredienti è la crema al biscotto caramellato Lotus. Credetemi se vi dico che è buona!
Clicca qui per leggere la ricetta

domenica 22 ottobre 2017

Cake al cioccolato con copertura al cioccolato e granella di nocciole




Da quanto tempo avevo in mente di fare dei semplici trancetti con una copertura leggermente croccante con cioccolato e granella di nocciole. In casa sono impazziti per questi dolcetti, comodissimi anche da mangiare.
Quello che mi mancava per provarli prima era lo stampo adatto per formare dei rettangoli regolari. Per questo mi è venuta in aiuto la Silikomart, ho iniziato una entusiasmante collaborazione con quest'azienda italiana di cui adoro i prodotti, e mi hanno gentilemente fornito lo stampo adatto, un insieme di rettangoli per formare delle mini cake. Lo trovo elegante nella sua linearità, e la dimensione è perfetta anche per fare delle merende per i bimbi e dei piccoli plumcake.
Invece di realizzare un dolce moderno ho deciso di provarlo con la cottura, e il risultato è sempre ottimo.
Per realizzare questi trancetti ho usato la ricetta del cake chocolat di Leonardo Di Carlo, consistenza perfetta, sapore ricco. Si presta perfettamente anche per fare dei plumcake, come ho fatto con l'avanzo dell'impasto. Il burro Lurpak ovviamente è uno degli ingredienti principali per realizzare questo tipo di dolce.
Per la copertura ho utilizzato la glassa riportata da Pinella, buonissima.
Clicca qui per leggere la ricetta

venerdì 20 ottobre 2017

Tartufi al cioccolato e nocciole





I tarfufi al cioccolato sono dei dolcini che per me rappresentano una delle bontà più buone, delle piccole pepite di cui sono golosissima.
Ho mangiato i primi in Piemonte, un perfetto equilibrio fra il cioccolato non troppo dolce e le nocciole.
Cercavo una ricetta che riproducesse bene quelli piemontesi, e ho trovato la versione perfetta nei tartufi di Luca Montersino.
Sono facilissimi da fare (io ho saltato la fase del temperaggio del cioccolato), ma finiscono altrettanto velocemente, quindi non ho ritenuto necessario usare un burro chiarificato per aumentarne la conservabilità. Ho utilizzato infatti l'ottimo burro Lurpak biologico, ne serve una piccola dose, di certo non è una ricetta light ma io non li trovo assolutamente pesanti. Considerando il tipo di ingredienti necessari per realizzarli, è importante che siano di buona qualità.
Clicca qui per leggere la ricetta

domenica 8 ottobre 2017

Croissant sfogliati, ricetta con indicazioni per la preparazione casalinga e passaggi fotografici





I croissant, il lievitato più impegnativo che abbia mai fatto. Sono così tanti i fattori a cui fare attenzione che basta sbagliarne uno solo e tutto il lavoro e il risultato finale ne saranno compromessi.
Ma appunto per questa loro difficoltà, e ovviamente per la loro bontà, ero sempre spronata a riprovarci e a mettere a punto la procedura che mi sembrava più giusta per me, perchè le sfide sono stimolanti e spingono a migliorarsi.
Devo precisare che quello che indicherò in questa ricetta è un adattamento casalingo alle varie preparazioni che si trovano sui libri o sui siti del settore, di professionisti. Infatti, sebbene quelle procedure siano valide e corrette, si riferiscono a una preparazione in laboratorio, con l'aiuto di sfogliatrici e macchinari professionali. Col mattarello, in casa, le cose cambiano molto.
Ma una volta trovato il modo giusto, la soddisfazione è enorme! Amo far colazione con un croissant friabile e alveolato, così leggero se la lievitazione e la cottura sono state corrette!
Dopo tutto il lavoro che si fa, essenziale diventa la qualità degli ingredienti. Si sente e fanno la differenza. Non lesinate in questo, è la base del fatto in casa, la particolarità che differenzia da tutto ciò che potrete trovare altrove.
Essenziale per questa ricetta è il burro. E' importantissimo scegliere il burro adatto, perchè la maggior parte di quello disponibile in commercio non va bene per la sfogliatura. Io ho usato un burro di alta qualità, il Lurpak classico. Ha le caratteristiche perfette per fare croissant, oltre a panettoni e colombe.
Infatti mantiene una consistenza flessibile, tipo plastilina, non si spacca o raggruma come avviene al classico burro italiano da supermercato. Avevo già provato altri prodotti reperibili in commercio per uso casalingo e indicati per la sfogliatura, ma questo è il migliore utilizzato.
Ho da poco iniziato una collaborazione con la Lurpak, quindi la ricetta ideale per utilizzarlo era proprio il croissant francese.
Ho usato una preparazione di Leonardo Di Carlo, croissant con latte in polvere, con aggiunta di scorza grattugiata di limone biologico. Il latte in polvere lo trovate nei supermercati, e non mi riferisco a quello per lattanti, funge da miglioratore.
Ho variato la forza della farina utilizzata per adattarla alla lavorazione casalinga e aumentato la quantità di burro per la sfogliatura.
Clicca qui per leggere la ricetta

mercoledì 27 settembre 2017

Crostata estiva ai lamponi, limone e cioccolato bianco




A volte viene voglia di un dolce all'apparenza semplice, familiare, confortevole, un po' croccante. La crostata rappresenta in pieno tutto ciò, ma può anche essere interpretata in modo creativo, colorato e fresco.
Volevo dei gusti che rimanessero leggeri, le temperature erano ancora calde, i frutti deliziosi.
Ispirandomi a Michalak per l'estetica ho usato una mousse ai lamponi, il cremoso leggero al limone di Leonardo Di Carlo (una delle creme al limone più buone fino ad ora provate), e il cremoso fresco all'acqua al cioccolato bianco sempre di Di Carlo. Il guscio invece è la pate sucrée di Cedric Grolet preso dal blog di Pinella, come anche la mousse ai lamponi. Si tratta di una frolla molto saporita e da manipolare velocemente prima della cottura, soprattutto in caso di temperature elevate.
Clicca qui per leggere la ricetta

giovedì 14 settembre 2017

Torta esotica alla papaya, frutti di bosco e mascarpone




Una torta solare, dal gusto fresco, esotico ma non troppo. Con una punta di acidità dei frutti di bosco e la dolcezza del mascarpone e del cioccolato, l'intensità della papaya. L'ho fatta per un'amica, quindi non ho la foto della fetta, ma mi hanno detto che era buonissima, deliziosa.
Ho inframmezzato gli strati di crema con una torta all yogurt buonissima, presa da qua, che alterna la mousse ai frutti di bosco ispirata dalla mousse ai lamponi riportata da Pinella, al cremoso al mascarpone di Leonardo Di Carlo. In cima a tutto il cremoso esotico sempre di Leonardo Di Carlo che ho variato usando solo la papaya.